Sportello Unico per le Attività Produttive
Via Regina Margherita, 80 - 71029 Troia (FG)- Tel. 0881/978435 – Fax 0881/978420
e-mail: utc@comune.troia.fg.it

Allegato 1

 

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA

Notizie di carattere generale:

  1. Denominazione e indirizzo dell’impresa esecutrice dei lavori
  2. Firma del piano o dell’atto di trasmissione da parte del legale rappresentante
  3. Indirizzo del cantiere (via e numero civico)
  4. Descrizione dell’edificio e destinazione d’uso
  5. Condizioni d’uso dell’edificio durante l’intervento (occupato, non occupato)
  6. Tipo di materiali contenenti amianto da rimuovere (coperture, serbatoi, canne fumarie, ecc.)
  7. Descrizione delle strutture da bonificare e dei relativi mezzi di fissaggio
  8. Documentazione fotografica dei materiali da rimuovere allegata

 

Descrizione generale dell’intervento:

  1. caratteristiche dell’edificio (allegare planimetrie e sezioni);
  2. Caratteristiche dei materiali – Produrre il certificato analitico indicante la natura dei silicati fibrosi secondo la classificazione prevista dall’art. 23 D.Lgs. n. 277 del 15.08.1991;
  3. Fasi operative;
  4. Tecniche di intervento;
  5. Stima del peso totale del materiale contenente amianto da rimuovere
  6. Superficie (in mq.) totale da rimuovere

 

Accertamenti Sanitari Periodici:

  1. Nominativo del medico competente
  2. Copia dei certificati di idoneità specifica rilasciati dal medico competente allegati
  3. Protocollo di sorveglianza

 

Allestimento del cantiere:

  1. Delimitazione area di lavoro;
  2. Affissione segnaletica di sicurezza e specifica per bonifiche di amianto;
  3. Sigillatura porte e finestre dell’edificio;
  4. Aree destinate allo stoccaggio del materiale (elaborato planimetrico);

 

Procedure operative:

  1. Modalità di smontaggio;
  2. lo smontaggio delle lastre dovrà essere preceduto dalla bagnatura da eseguirsi su entrambi le superfici (esterno e interno) con un liquido impregnante a base vinilacrilico (produrre la scheda tecnica) – indicare le modalità di applicazione;
  3. Modalità di movimentazione MECA;
  4. Modalità di carico RCA;
  5. Pulizia quotidiana area di lavoro;
  6. tipologia della attività svolta nello stabile oggetto di bonifica ed indicazione dei sistemi adottati per evitare la contaminazione degli ambienti sottostanti all’area di lavoro;
  7. Relazione sulla procedura in caso di accumulo di fibre nei canali di gronda;

Materiali e attrezzature:

  1. Prodotti e attrezzi;
  2. Aspiratori portatili e filtri – (schede tecniche e libretto);
  3. Cartucce filtranti delle acque di lavaggio;
  4. Apparecchi respiratori;
  5. Maschere tipo P3 (tipo di facciale e tipo di filtro);
  6. Casco di Protezione;
  7. Tute monouso;
  8. Scarpe antinfortunistiche;
  9. Mezzi di sollevamento per movimentazione;
  10. Attrezzi meccanici utilizzati;

 

Protezione dei lavoratori:

  1. Tipo di mezzi di protezione respiratoria;
  2. Tipi di indumenti protettivi e calzature;
  3. Modalità di lavaggio e/o di smaltimento delle tute;
  4. Procedure di decontaminazione;
  5. Procedure di entrata e uscita dalla UD - relazione tecnico - descrittiva delle procedure utilizzate dal personale impiegato per entrare e uscire dalla unità di decontaminazione (U.D.). Elaborato planimetrico indicante la suddivisione dei locali all’interno della stessa U.D.;
  6. Installazione di un unità decontaminazione operatori con un elaborato planimetrico che indichi:
    • l’esatta collocazione dell’unità di decontaminazione;
    • il punto di allaccio alla fognatura;
  7. Manutenzione, controllo e/o smaltimento maschere;

 

Formazione e Informazione:

  1. Indicazione dei contenuti, della durata e del soggetto formatore relativi ai corsi di formazione degli addetti
  2. Attestati nominativi di formazione allegati

 

Controllo esposizione:

  1. Documentazione relativa alla valutazione del rischio allegata

  2. Risultati della valutazione (se già effettuata in situazioni similari);

  3. Programma dei campionamenti (se previsti) per la valutazione dell’esposizione personale dei lavoratori mediante misure strumentali da effettuare nel corso dell’intervento

 

Piano di sicurezza infortunistica:

  1. verifica della resistenza della struttura e piani praticabili di lavoro;
  2. Indicazione dell’altezza massima del piano di campagna delle zone di intervento
  3. Misure per pericoli di caduta dall’alto;
  4. Scale e ponteggi (autorizzazioni ministeriali);
  5. Andatoie e passerelle;
  6. Uso reti di sicurezza (modalità di ancoraggio);
  7. Modalità di stoccaggio dei materiali;
  8. Gru e apparecchi di sollevamento (libretto e verbali di verifica periodica);
  9. Impianti elettrici, messa a terra, scariche atmosferiche;
  10. Planimetria o disegno schematico dell’edificio allegata con:
  11. Indicazioni dei rapporti con costruzioni limitrofe
  12. Punti di ancoraggio delle cinture di sicurezza (se previste)
  13. Decreto Legislativo n. 494 del 14.08.1996:

 

Rifiuti:

  1. Imballaggio RCA;
  2. Tipologia rifiuti prodotti (certificato di classificazione);
  3. Etichettatura;
  4. Area destinata allo stoccaggio;
  5. Impresa autorizzata al trasporto;
  6. Destinazione finale del RCA e certificato di avvenuto smaltimento.
  7. Iscrizione, della ditta all’albo nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento rifiuti per l’attività di bonifica dei beni contenenti amianto, ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs. n. 22 del 05.02.1997;

 

 

 

 

 

INDICAZIONI SPECIFICHE PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA

 

Coperture in amianto cemento

Tipo di copertura
Superficie totale da rimuovere
Descrizione della struttura portante
Indicazioni sulla presenza o meno di sottotetto
Indicazione se il sottotetto è portante
Distanza del sottotetto dal colmo del tetto
Presenza di canali di gronda
Modalità di bonifica del canale di gronda
Modalità di accesso alla copertura
Copia del progetto del ponteggio allegata
Descrizione del ponteggio
Indicazione delle misure adottate in alternativa al ponteggio (opere provvisionali, ponti sviluppabili, piattaforme mobili, ecc.)
Misure di sicurezza adottate per il pericolo di sfondamento delle lastre:
Misure anticaduta adottate in presenza di aperture nella copertura (lucernari, cavedi, shed, cupolini, ecc.)
Modalità di bagnatura degli elementi della copertura
Trattamento su entrambe le superfici
Modalità di smontaggio degli elementi della copertura
Luogo e modalità di imballaggio delle lastre
Modalità di movimentazione e calo a terra degli elementi rimossi
Peso presumibile di ogni imballo
Mezzi usati per il calo a terra (specificare la relativa collocazione)
Mezzi usati per la movimentazione in piano dei materiali
Modalità di pulizia del sottotetto (se presente)

 

Canne Fumarie

Lunghezza totale della canalizzazione
Dimensioni dei singoli elementi
Peso di ogni singolo elemento
Descrizione dei sistemi di fissaggio e delle strutture limitrofe
Indicazioni circa la presenza di parti della canna fumaria inglobate in basamenti e cornicioni e relative modalità di rimozione
Indicazioni circa la vicinanza della canna fumaria a finestre o vani di apertura e relative cautele per la protezione di terzi
Copia del progetto del ponteggio allegata
Descrizione del ponteggio
Indicazione delle misure adottate in alternativa al ponteggio (opere provvisionali, ponti sviluppabili, piattaforme mobili, ecc.)
Modalità di smontaggio degli elementi
Modalità di bagnatura degli elementi della canalizzazione
Luogo e modalità di imballaggio
Modalità di movimentazione e calo a terra degli elementi rimossi
Peso presumibile di ogni imballo
Mezzi usati per il calo a terra (specificare la relativa collocazione)
Mezzi usati per la movimentazione in piano dei materiali

 

Cassoni

Numero totale dei serbatoi da rimuovere
Dimensioni e peso di ciascun serbatoio
Esistenza di coperchi
Descrizione e dimensioni della cabina idrica
Documentazione fotografica della cabina idrica allegata
Dimensioni del vano attraverso il quale saranno fatti uscire i serbatoi
Descrizione dei percorsi di passaggio dei serbatoi e dimensioni in m
Documentazione fotografica dei luoghi di passaggio allegata
Modalità di smontaggio dei cassoni
Modalità di bagnatura
Luogo e modalità di imballaggio
Modalità di movimentazione e calo a terra degli elementi rimossi
Peso presumibile di ogni imballo
Mezzi usati per il calo a terra (specificare la relativa collocazione)

 

Pavimenti in Vinil Amianto

Tipo di pavimento
Superficie totale da rimuovere
Assenza di utenti nei locali limitrofi
Segregazione dei vani oggetto di bonifica
Segnaletica di sicurezza
Chiusura porte e finestre fino al termine della bonifica
Rivestimento delle parti non spostabili (termosifoni, bancali, attrezzature varie, ecc… con teli di polietilene
Sollevamento delle piastrelle con mezzi manuali (spatole) sollevando le piastrelle una alla volta ed evitando rotture
Divieto dell’utilizzo di strumenti elettrici ad alta velocità
Durante la rimozione un operatore appositamente addetto dovrà costantemente mantenere bagnata la superficie inferiore della piastrella con una soluzione vinilica al 5% colorata a spruzzo. Deve essere utilizzata una pompa a mano o anche un semplice spruzzatore per piante.
Ogni 30/40 piastrelle rimosse si dovrà procedere al confezionamento in pacchi chiusi con nastro adesivo e rivestiti con teli di polietilene. I pacchetti devono successivamente essere in big-bags contrassegnati a norma
I residui del sottofondo devono essere trattati con soluzioni viniliche e, una volta asciugati, raschiati con cura e aspirati con aspiratore dotato di filtro assoluto
Al termine della rimozione delle mattonelle il sottofondo, messo a nudo, deve essere nuovamente pulito con stracci bagnati
Al termine dei lavori le attrezzature utilizzate devono essere accuratamente pulite a umido
Trattamento su entrambe le superfici
Luogo e modalità di imballaggio delle lastre
Peso presumibile di ogni imballo
Mezzi usati per la movimentazione in piano dei materiali
Modalità di pulizia dell’area