Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Venerdi, 24 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / NASCE A TROIA IL ‘VILLAGGIO QUADRIMENSIONALE'

Notizie

Dettaglio notizia

 

NASCE A TROIA IL ‘VILLAGGIO QUADRIMENSIONALE'

NASCE A TROIA IL ‘VILLAGGIO QUADRIMENSIONALE' Categoria: Altro
Data: 03/09/2010 ore 22:14:48

Sarà dedicato al trattamento del ‘disagio diffuso' con il ‘metodo alla salute', una particolare attività terapeutica, messa a punto dal dottor Mariano Loiacono, che non prevede l'uso di psicofarmaci

 

Il Comune di Troia ha deliberato di concedere alla Fondazione ‘Nuova Specie', in comodato gratuito, un suolo in zona Pip (piano insediamenti produttivi area a servizi) per la realizzazione del ‘Villaggio quadrimensionale'.

Si tratta di un complesso ricettivo dedicato al trattamento del ‘disagio diffuso', realizzato con il ‘metodo alla salute' il cui antesignano è il dottor Mariano Loiacono, psichiatra, responsabile del Centro di Medicina Sociale - Dipartimento di Neuroscienze - degli Ospedali Riuniti di Foggia Ospedaliero-Universitaria.

Si tratta di una particolare attività terapeutica che non prevede l'uso di psicofarmaci e utilizza modalità nuove e atipiche di psicoterapia per trattare la fenomenologia legata al disagio collegato alla conflittualità - coppia, famiglia, gruppi, istituzioni -, alle dipendenze da sostanze psicoattive  - alcol, droghe, psicofarmaci -, agli attacchi di panico, disturbi dell'alimentazione, disturbi fobici, ossessività, depressioni, patologie autoimmunitarie, disabilità semplici e complesse, disturbi di personalità, disturbi dell'umore, sindromi psicotiche, ecc.

L'area, una superficie di 5.500 metri quadrati, lunga ben 130 metri, si presta particolarmente per l'attività della Fondazione in quanto circondata di verde, valli coltivate a grano, con una alternanza stagionale di colori, profumi e natura.

Saranno realizzate sale per i gruppi ordinari, per i corsi settimanali, per la ristorazione, una biblioteca con annesso Centro Documentazione, uno spazio interno dedicato alle attività teatrali, una zona residenziale per gli operatori e per i pazienti in trattamento, magazzini, depositi seminterrati e uffici vari (per medici, operatori, visite, ecc.).

E', inoltre, prevista la realizzazione di serre, qualche coltivazione ed annesso allevamento di animali di piccola taglia, locali per rielaborare, per fare silenzio, e un grande spazio di aggregazione, il cuore del Villaggio, prospiciente la valle e in diretto contatto con lo scenario naturale del luogo.

L'idea progetto, ancora allo studio, nasce dall'interpretazione della realtà umana vista in quattro dimensioni (Quadrimensionalismo): "un nuovo linguaggio che può essere applicato alle diverse ‘situazioni umane' e ai diversi ‘Saperi'(Religione, Sociologia, Biologia, Scienze delle Devianze, Politica, Storia, ecc.) per farne scaturire una cultura quadrimensionale, capace si semplificare la complessità".

Soddisfazione è stata espressa dall'assessore comunale ai Lavori Pubblici e Urbanistica Domenico La Salandra che ha dichiarato: "siamo fieri di poter contribuire concretamente allo sviluppo del ‘metodo alla salute'  del dottor Mariano Loiacono, che da oltre trent'anni dedica la sua attività e i suoi studi a questa particolare attività terapeutica. Le attenzioni della nostra Amministrazione sono legate a tutto ciò che riguarda il disagio delle famiglie e dei singoli cittadini. Il Comune diventerà socio della Fondazione contribuendo in maniera ancora più incisiva a questo progetto supportandone anche le attività. Il ‘Villaggio quadrimensionale', quindi, sarà ben presto una importante realtà".