Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Mercoledi, 22 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / REGIONE PUGLIA: FINANZIAMENTO PER IL PROGETTO D’ILLUMINAZIONE DELLA CATTEDRALE DI TROIA

Notizie

Dettaglio notizia

 

REGIONE PUGLIA: FINANZIAMENTO PER IL PROGETTO D’ILLUMINAZIONE DELLA CATTEDRALE DI TROIA

REGIONE PUGLIA: FINANZIAMENTO PER IL PROGETTO D’ILLUMINAZIONE DELLA CATTEDRALE DI TROIA Categoria: Lavori Pubblici e Pianificazione Territoriale
Data: 25/05/2017 ore 11:40:17

Lo scorso 15 marzo è stata sottoscritta la convenzione tra la Diocesi di Lucera-Troia, ente proprietario, l’Agenzia Regionale del Turismo PugliaPromozione, ente finanziatore, e il Comune di Troia, stazione appaltante, per dar vita alla realizzazione del progetto di RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA E NUOVA INSTALLAZIONE ILLUMINOTECNICA ED ACUSTICA NELLA BASILICA CATTEDRALE DI TROIA.  

Il progetto, che doveva essere realizzato già dal 2013, a causa di lunghissima serie di vicissitudini burocratiche nazionali era rimasto fermo nei cassetti della Regione Puglia per quattro lunghi anni. Solo all'inizio dello scorso marzo, grazie all'intervento del sindaco Leonardo Cavalieri, che ha messo a disposizione anche la struttura tecnica dell'Ufficio Tecnico Comunale per svolgere le funzioni di stazione appaltante in vece della Diocesi, ed alla solerzia del nuovo Vescovo, Mons. Giuseppe Giuliano, che a soli pochi giorni dal suo insediamento ha immediatamente fatto predisporre dai suoi uffici tutti gli atti necessari, è stato possibile finalmente sbloccare il finanziamento che sarebbe scaduto a settembre di quest'anno.
"Sono estremamente felice, perché finalmente la nostra Cattedrale riceverà quelle ulteriori dotazioni impiantistiche necessarie" sottolinea il sindaco Cavalieri, "Essere riusciti a trovare una soluzione ad un progetto fermo nel limbo il cui finanziamento sarebbe scaduto a breve è la dimostrazione che impegnarsi con caparbia affinché il dialogo e la concertazione pragmatica tra enti sia prassi, ripaga sempre ogni sforzo. Un ringraziamento a tutto il personale dell'Ufficio Tecnico comunale ed un ringraziamento sentito all'assessore regionale al Bilancio, Raffaele Piemontese, nostro punto di riferimento ed interlocutore attento".
Ripercorriamo in breve la storia del progetto. Il 18 maggio del 2013 venne presentato ufficialmente, nella sede della Diocesi di Lucera-Troia, alla presenza del Vescovo Mons. Domenico Cornacchia, del direttore dell'Ufficio Diocesano Beni Culturali don Luigi Tommasone, del responsabile tecnico geometra Arturo Monaco e dell'allora parroco della Cattedrale di Troia, don Gaetano Squeo, il progetto di RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA E NUOVA INSTALLAZIONE ILLUMINOTECNICA ED ACUSTICA NELLA BASILICA CATTEDRALE DI TROIA, predisposto dagli architetti Antonio Stefano Cibelli e Piero Guadagno.
Con nota del 15 aprile 2013, l'Agenzia Regionale del Turismo PugliaPromozione, responsabile per conto della Regione Puglia dell'esecuzione del progetto "Monti Dauni: valorizzazione integrata delle eccellenze di carattere culturale, religioso, paesaggistico ed enogastronomico" aveva ufficialmente comunicato al Vescovo Mons. Cornacchia l'inserimento del progetto riguardante il Duomo nella "LINEA D'INTERVENTO 2-Infrastrutturazione leggera - ATTIVITÀ 3: Illuminazione della Cattedrale di Troia" con un finanziamento a totale carico regionale di € 400.000. Il tutto all'interno dell'Accordo di Programma firmato il 17 febbraio del 2012 tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo - e la Regione Puglia.
Il progetto doterà l'interno della basilica oltre che di un impianto elettrico a norma, di un innovativo sistema di illuminazione a LED gestito da domotica, atto a favorire innanzitutto i diversi momenti liturgici attraverso l'uso di scenari illuminotecnici ma anche la fruizione degli aspetti artistici ed architettonici all'interno del Duomo. L'impianto avrà un modestissimo impatto sia fisico sulle strutture (sarà praticamente invisibile), sia sui costi di gestione e manutenzione. Il progetto risolverà anche gli annosi problemi di acustica che, da sempre, limitano la comprensione dei momenti liturgici.
Una nota di merito particolare va a Mons. Domenico Cornacchia che, per primo, poco dopo il suo arrivo nella Diocesi, prese a cuore il tema della pessima illuminazione interna della Cattedrale di Troia, così contrastante rispetto allo splendore dei restauri effettuati negli anni scorsi, facendone predisporre il progetto e seguendolo con i suoi uffici in ogni sua fase fino all'ottenimento del finanziamento.
I lavori, espletate le formalità di rito delle pratiche burocratiche e la gara d'appalto, avranno tempi rapidissimi, con inizio entro la fine di giugno per consentirne la conclusione entro la fine dell'estate come obbligatoriamente stabilito nella convenzione sottoscritta con la Regione Puglia.
"L'obiettivo dei lavori" spiegano i due progettisti, gli architetti Stefano Cibelli e Piero Guadagno, "è quello di consentire in sicurezza l'adeguato svolgimento della liturgia con un nuovo impianto di illuminazione artistica che permetta anche di apprezzare l'architettura e le simbologie della Cattedrale. L'impianto progettato utilizza al massimo delle proprie potenzialità tecnologiche, le più recenti lampade a LED, abbattendo il consumo energetico globale in termini di potenza impegnata e riducendo gli interventi manutentivi, il tutto gestito con un sistema intelligente domotico che consentirà di passare da uno scenario illuminotecnico per la liturgia solenne ad uno artistico per le visite turistiche con un solo tocco del touch screen. È prevista, inoltre, la realizzazione di un nuovo impianto audio e microfonico, che tenga conto nella qualità e distribuzione dei diffusori sonori delle particolare caratteristiche architettoniche della chiesa e dell'insistente presenza dell'eco".

Alla fine dei lavori sarà possibile apprezzare il gioiello dell'architettura romanica pugliese nel suo splendore anche al suo interno, la nostra Cattedrale diventerà il primo monumento di Puglia dotato di tecnologia avanzate a LED, nel solco dell'abbattimento dei consumi energetici.