Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Giovedi, 23 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / ‘PER GLI ANTICHI VICOLI', DA EVENTO ESTIVO A PROGETTO CULTURALE

Notizie

Dettaglio notizia

 

‘PER GLI ANTICHI VICOLI', DA EVENTO ESTIVO A PROGETTO CULTURALE

‘PER GLI ANTICHI VICOLI', DA EVENTO ESTIVO A PROGETTO CULTURALE Categoria: Altro
Data: 13/07/2010 ore 16:36:41

 

Pietro Cimino e Katia Ricci hanno presentano l'importante rassegna d'arte contemporanea che si prolunga fino all'apertura delle scuole e crea un inedito contatto con gli artefici delle opere installate


"Questa è solo la prima edizione. Ce ne saranno altre e avranno un seguito". Ha esordito così l'assessore comunale alla Cultura, Renato Ciccarelli, presentando il ricco parterre di artisti convenuto a Troia, nel fine settimana, per l'apertura ufficiale della rassegna d'arte contemporanea denominata ‘Per gli antichi vicoli', venticinque opere di medie e grandi dimensioni, realizzate da sedici artisti che espongono nelle strade e nelle piazze dell'antica città preappenninica (la piantina delle installazioni).

L'evento si presenta come un inedito, "un elemento di novità", ha dichiarato il sindaco, Edoardo Beccia, "che si inserisce nel panorama delle iniziative di carattere culturale del Comune di Troia, città che vive, nella quale c'è un fermento, una tensione al bello, un movimento di pensiero".

In sintonia Pietro Cimino, il curatore dell'evento, che ha aggiunto: "la mostra ha assemblato elementi e stili differenti offrendo la possibilità agli artisti di confrontarsi con la città integrandosi con essa".

Sin dalle premesse l'esposizione ha destato grande curiosità, trasformandosi in qualcosa di più: "una sorta di ritorno al passato quando, cioè, l'arte nasceva e si sviluppava per strada". Ad asserirlo è stato il critico d'arte Katia Ricci, che ha voluto ricordare la Public Art degli anni '70, "periodo di speranza e di grande creatività in cui l'arte usciva dai luoghi deputati non con intenti autocelebrativi, né per durare nel tempo e stare lì ad ammonire o a provocare". "La mostra troiana intende interagire e suscitare comportamenti virtuosi mescolandosi ai segni di bellezza e di libertà del passato. Le opere, in questo senso creano spazi di sosta e di riflessione riproponendo quella che era la funzione dell'arte nell'antichità".

L'evento, programmato fino al 15 settembre prossimo, sarà arricchito dalla disponibilità degli artisti intervenuti a realizzare percorsi guidati tra le opere esposte (secondo un calendario da definire) e si protrarrà fino all'apertura delle scuole coinvolgendo studenti e famiglie.

La rassegna, patrocinata dal Comune di Troia, comprende due prestigiose collettive ospitate nel palazzo monumentale dell'ex convento di San Domenico:  ‘I luoghi dell'arte: Troia',  dal 10 al 24 luglio, con Apua, Vito Berardi, Pietro Cimino, Ugo Cossu, Rosy Daniello, Lucio Garofalo, Leon Marino; ‘Parole e Musa', che si terrà dal 27 luglio al 10 agosto, con Katia Berlantini, Francisco Cabanzo, Michele Carmellino, Antonio Di Michele, Nicola Liberatore, Nelli Maffia, Matteo Manduzio, Guido Pensato, Enzo Ruggiero.