Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Martedi, 21 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Notizie

Dettaglio notizia

 

GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Categoria: Manifestazioni ed Eventi
Data: 25/11/2015 ore 09:27:15

Contro l'infamia della violenza di genere, il Comune di Troia veste piccoli ma significativi simboli della speranza di una rivoluzione culturale.

 

Un dato che parla chiaro, inequivocabilmente: almeno il 35% delle donne nel mondo ha subito una violenza. È nel loro nome che oggi, 25 novembre, si celebra la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne". Non una data scelta casualmente, purtroppo, ma nel solco del ricordo di un efferato omicidio del 25 novembre del 1960, nella Repubblica Dominicana, ai tempi del dittatore Trujillo, quando le tre sorelle Mirabal, fiori della rivoluzione popolare, furono torturate, massacrate, strangolate. I corpi esanimi gettati in una scarpata per simulare un incidente.

Più di cinquant'anni e le cose sono sempre paurosamente uguali, persino a casa nostra, dove la violenza contro le donne ha per teatro le pareti domestiche, un osceno palcoscenico di affetti familiari e soprusi, troppo spesso non solo psicologici. Violenza che si agita nel sommerso non segnalata per paura o per scarsa consapevolezza.

La Giornata che oggi anche il Comune di Troia si appresta a celebrare simbolicamente, con scarpe rosse nel cortile del Palazzo di Città e fiocchi rossi indossati da tutti i dipendenti ed amministratori comunali, è stata istituita dall'Onu con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999. La matrice della violenza contro le donne può essere rintracciata ancor oggi nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne. La stessa Dichiarazione adottata dall'Assemblea Generale Onu parla di violenza contro le donne come di "uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini".

In Italia, secondo i dati Istat dello scorso giugno, 6 milioni 788 mila donne hanno subito nel corso della propria vita una violenza fisica o sessuale. Si tratta del 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni, quasi una su tre. Ma se negli ultimi 5 anni sono leggermente diminuite le violenze fisiche o sessuali, aumenta invece la percentuale dei figli che vi assistono. 

Le leggi per combattere la violenza contro le donne non mancano di certo, ne è testimonianza la disciplina ulteriormente rafforzata dal Decreto Legge 93 del 2013 sulla violenza di genere, convertito nella Legge 119 del 15 ottobre 2013.

Quella che serve è una rivoluzione culturale, che parta dalle scuole, dai bambini, vettori principali del cambiamento nella percezione e nel consolidamento dei valori fondanti della nostra società, per arrivare significativamente nel resto degli strati della popolazione, anche attraverso l'uso di piccoli simboli, affinché il peso di una simile vergogna schiacci bruti ed aguzzini.

Piena solidarietà a chi trova il coraggio di denunciare ed il pensiero di tutta l'amministrazione a quante fanno quotidianamente i conti con la violenza, perché tale brutalità non sia ricordata solo il 25 novembre ma per tutto il resto dell'anno.