Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Mercoledi, 22 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / HA AVUTO INIZIO A TROIA ‘SPORTIVA…MENTE 2014’

Notizie

Dettaglio notizia

 

HA AVUTO INIZIO A TROIA ‘SPORTIVA…MENTE 2014’

HA AVUTO INIZIO A TROIA ‘SPORTIVA…MENTE 2014’ Categoria: Sport e Tempo Libero
Data: 08/05/2014 ore 13:53:53

HA AVUTO INIZIO A TROIA ‘SPORTIVA…MENTE 2014’

 

Una manifestazione sportiva per combattere lo stigma delle persone con disagio psichico

 

Ha avuto inizio questa mattina, a Troia, la VI edizione di ‘Sportiva…Mente’, progetto organizzato dal Centro Salute Mentale di Troia, insieme a istituzioni pubbliche e private e associazioni di volontariato e del mondo del no-profit, che vede impegnati atleti con disagio psichico provenienti da diverse regioni italiane oltre che da Albania e Belgio in un Torneo internazionale di calcetto. Circa 250 le persone coinvolte, compresi i componenti degli staff di assistenza. Quattro i gironi nei quali si articola il campionato, che ha avuto inizio sin dalle prime ore del pomeriggio e che ha visto gli speciali calciatori subito impegnati presso lo stadio comunale di Lucera.

 

La cerimonia inaugurale, presentata da Geppo Piantanida dopo una sfilata per le vie della città, si è tenuta al cine teatro ‘Pidocchietto’ di Troia alla presenza del sindaco di Troia, Edoardo Beccia, Renato Ciccarelli, assessore alla cultura del comune di Troia, Alberto Casoria, presidente del GAL Meridaunia, Fabio Valerio, assessore alle politiche sociali del comune di Lucera, Matteo Giordano e Giuseppe Pillo, rispettivamente direttore del Dipartimento di Salute Mentale della Asl Foggia e responsabile del CSM di Troia e ideatore del progetto.

 

Nei giorni scorsi si è parlato di sport, utilizzato per la lotta allo stigma ed alla discriminazione dei portatori di disagio psichico, in alcuni istituti scolastici del territorio. Coinvolti, in via sperimentale, esponenti appartenenti alle Forze dell’Ordine (Vigili Urbani e Carabinieri) e studenti che hanno avuto l’opportunità di conoscere i pazienti sotto il profilo umano, la loro vita, i loro profili e la loro professionalità. Non, quindi, attraverso le patologie mentali di cui sono sofferenti.

 

“Abbiamo avuto la disponibilità dello stadio comunale di Lucera e il Comune di Troia per il sesto anno ci ha messo tutto a disposizione”, ha detto Giuseppe Pillo, che nell’occasione ha salutato le associazioni, 30 solo di Troia, e i Media “tutti disponibili”.

 

Proiettato un cortometraggio, ‘La voglia di vincere, la voglia di esistere’ che mette in evidenza lo spirito e l’entusiasmo dei protagonisti, impegnati in eventi sportivi che diventano un modo per inserirsi nella società.

I volti sono gioiosi e di speranza. Pronti a giocare la partita della vita. Il gioco di squadra diventa metafora della rete sociale, combatte il pregiudizio per difendere la dignità dell’individuo emarginato, stigmatizzato, escluso dalla vita e rende possibile l’integrazione mentre a noi tocca comprendere e non emarginare, perché si tratta di persone che hanno diritto a vivere una vita normale.

 

I ringraziamenti di Edoardo Beccia sono andati “a chi trasforma il proprio lavoro nella quotidianità dell’utopia possibile, sconfitta dalla partecipazione e dalla volontà che rende tutto possibile”, perché “anche la diversità è normale”.

 

“Le Istituzioni sono tutte in gioco”, ha detto Fabio Valerio. “L’edizione di Sportiva…Mente 2014 è stata potenziata rispetto alla scorsa edizione e noi abbiamo il compito di dare voce a tutti”.

 

Gli ha fatto eco Renato Ciccarelli, che ha parlato di evento che offre grande possibilità di stimolo per migliorarci. Rimessi, infatti, a posto impianti ricettivi e sportivi.

 

Per Alberto Casoria la sua agenzia di sviluppo opera in linea con l’evento sportivo, che non è una cosa astratta ma rappresenta una occasione per trasformare la diversità in opportunità.

 

Matteo Giordano ha dicharato: “siate realisti, chiedete l’impossibile. E’ questa la cura per la salute mentale”. “Sportivamente è una esperienza di eccellenza”. “I pazienti ci ricordano che siamo tutti del cosiddetto sociale normale e che nella normalità ci sono cose che andrebbero sottoposte a stigma, come le disuguaglianze sociali e le guerre”.


 

 

GLI EVENTI PROGRAMMATI:

 

Giovedì 8 maggio

1. Troia: ore 9,30 sfilata con partenza dall’ex Convento S. Domenico e, a seguire (ore 11,00), presso il cineteatro di Troia “Pidocchietto” cerimonia inaugurale con la presentazione dei gruppi partecipanti al Torneo di calcio e i gironi. Nell’occasione verrà presentato dal dott. Giuseppe Pillo, responsabile del Centro Salute Mentale di Troia – ASL FG, il cortometraggio “La voglie di vincere ovvero La voglia di esistere”. 2. Lucera, dalle 15,00 alle 18,30 – stadio comunale: Torneo internazionale di calcetto: gironi eliminatori.

Venerdì 9 maggio

 

1. Lucera, dalle 9,00 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30: Torneo internazionale di calcetto: gironi e ottavi di finale 2. Troia, dalle ore 19,00: nelle 3 piazze adiacenti la cattedrale di Troia, si svolgerà la “La Corte dei Miracoli”: Stand espositivi di prodotti dell’artigianato e dell’agro-alimentare, spettacoli e animazione di piazza, percorsi enogastronomici. Partecipazione straordinaria del comico, cabarettista della trasmissione televisiva di Rai 2 “Made in Sud”, Santino Caravella, che oltre ad esibirsi in piazza, rappresenta il testimonial dell’intero progetto.

 

Sabato 10 maggio

1. Lucera, dalle 9,00 alle 12,00: Torneo internazionale di calcetto: quarti, semifinali e finali 2. Troia, ore 13,00: Sfilata di tutti gli automezzi dei partecipanti, per le principali strade della città

3. Lucera, ore 14,00, l’Hotel ‘Villa Imperiale’ : Premiazioni e chiusura progetto.

 

Grande attesa, inoltre, per “La Corte dei Miracoli - mercato della partecipazione e degli scambi”, che vedrà il coinvolgimento di cooperative sociali, Associazioni e Aziende del settore dell’agro-alimentare e dell’artigianato, nell’ottica della promozione di un modello di mercato che persegua lo sviluppo etico e sostenibile del territorio. In tale modello di sviluppo, l’offerta da parte di soggetti deboli che utilizzano manodopera proveniente dalla diversità, assume pari dignità di quella di produttori più forti all’interno di un sistema che tuteli e garantisca la partecipazione di tutti, bandendo sofisticati meccanismi di competizione, che purtroppo continuano ad inquinare l’attuale modello di mercato dominante.

 

 

Troia, 8 maggio 2014                                                  Nunzio Lops