Città di Troia (Fg) - Sito Istituzionale

  • Martedi, 21 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / IL CARNEVALE TROIANO ALLA SUA TERZA EDIZIONE

Notizie

Dettaglio notizia

 

IL CARNEVALE TROIANO ALLA SUA TERZA EDIZIONE

IL CARNEVALE TROIANO ALLA SUA TERZA EDIZIONE Categoria: Altro
Data: 04/02/2013 ore 18:32:12

L’antica festa, a cura della associazione di promozione turistica Pro-Loco, si svolgerà sabato 9 febbraio tra le strade e le piazze della città

 

A cura della associazione di promozione turistica Pro-Loco Troia in collaborazione con l’associazione di promozione socialeLa Melagranatae lo storicoCircolo Salandra’, della Scuola Primaria (Istituto comprensivo Statale ‘A. Salandra), sotto  il Patrocinio del Comune di Troia, la partecipazione ‘ dell’associazione Act Monti Dauni sotto il patrocinio della Regione PugliaBollenti Spiritiorganizza per il 9 febbraio la III edizione del Carnevale Troiano  Sckrì - Sckrì - Sckrò, tutt vév’n e ghij no, tre so li bèll v’ccun: carn, pésc e maccarun

 

 E’ la vecchia filastrocca che negli anni quaranta e cinquanta del secolo scorso gruppi di ragazzi, coppie di donne e uomini, tutti mascherati (il maschio indossava abiti femminili e viceversa), facendo rumore con i coperchi e girando per le strade recitavano a parenti ed amici per ricevere, in cambio di questi versi carnevaleschi, uova, salsiccia, polmonata, tarallini al vino bianco e vino.

 

Ed è appunto da questa filastrocca e usanza che prende spunto la manifestazione che, giunta alla terza edizione, quest’anno si svolgerà sabato 9 febbraio e vedrà la partecipazione degli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale ‘A. Salandra’ e dell’Asociazione di musica e balli tradizionali Agorart di Biccari.

 

               Qualche giorno prima saranno sistemati lungo le vie principali del paese i carnuwale impagliati, fantocci dalle sembianze umane anchessi riprendenti la vecchia tradizione della loro esposizione davanti ai sottani o agli inizi delle strade seduti con un fiasco di vino, simbolo della trasgressione prima del periodo della penitenza quaresimale.

 

Le maschere si raduneranno già dalle prime ore pomeridiane in largo Chiesa Mediatrice per attendere gli sposi Maculata Polmonata e Necchino Rocchiotello, i rispettivi genitori, i compari e gli invitati, e accompagneranno il corteo nuziale che si snoderà lungo via Roma per arrivare, attraversando anche il corso principale via Regina Margherita, in piazza Cattedrale. Sposi, parenti ed invitati saranno mascherati con abiti rigorosamente nostrani, sgargianti e vistosi, tutti con abbondante trucco e con scambio dei ruoli (luomo con vestiti e trucco da donna e viceversa).

 

In piazza Cattedrale davanti al Sindaco, ai testimoni e al barbiere (antico regista degli eventi nuziali) sarà celebrato il rito civile del matrimonio tra battute e discorsi in dialetto italianizzato.

 

Taranta, pizzica e tarantelle del gruppo di musica tradizionale Agorart e la musica dei dj Linus e MikyLos allieteranno il banchetto nuziale dove tutti potranno partecipare e nel contempo degustare i prodotti locali (dai fagioli con le cotiche, dalla salsiccia di maiale e dagli hamburger di bufala alla brace, alle chiacchiere, alle pizze fritte, al vino nero di Troia).

 

Durante la serata saranno sorteggiati numerosi premi: dalla maschera più originale ai fortunati possessori dei tickets del banchetto estratti.

 

La serata si concluderà con il funerale di Carnevale, anchesso riprendente unantica usanza, dove un fantoccio, tra lamenti e grida, sarà trasportato su di una panca addobbata con un panno nero lungo la chiazza (via principale del paese) fino a piazza Cavalieri, sede della locale sezione della Pro Loco, luogo destinato per accippare (accendere) carnuwale impagliato. La Direzione della Pro Loco di Troia.